Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Castello Estense’

Read Full Post »

leadImage_mini

Riapre la caffetteria del Castello Estense, dopo che dal 6 agosto il servizio era stato interrotto per trasloco di mobili e attrezzature.

Ora la nuova sede del punto ristoro si trova all’interno del cortile del Castello, nei locali fino a poco tempo fa occupati dall’ufficio informazioni turistiche (Iat).

La gestione del servizio continuerà ad essere affidata a Orsatti Group Congress srl di Ferrara.

Ufficio Stampa

Provincia di Ferrara

Ferrara, 20 agosto 2014

Read Full Post »

Il pane del cuore. Ogni venerdì al Castello di Ferrara l’iniziativa per la disabilità unirà cultura nuova e tradizione del territorio

Nei prossimi giorni la coppietta o “ciupeta”, “offerta generosa di Ferrara al mondo” decantata dal poeta Corrado Govoni, si farà ancora più dono di cittadinanza, al Castello Estense, con “Il pane del cuore”.

Un messaggio di speranza e cambiamento per tutti che si lega alle tradizioni del nostro territorio. Ogni venerdì, dal 3 maggio al 28 giugno, presso la Sala Alfonso I D’Este con orario continuato dalle ore 10 alle 17.30, l’iniziativa coniugherà la cultura della disabilità e dell’impresa sociale, facendo conoscere dal vivo i nuovi percorsi occupazionali svolti dal gruppo di giovani con disabilità nell’ambito del sodalizio fra le Onlus Associazione “Lo Specchio” e Fondazione di PartecipazioneCasa Viva” con la Cooperativa sociale “Progetti di vita”, in stretta collaborazione con la Provincia di Ferrara.

In concomitanza dei numerosi eventi cittadini promossi dall’Ufficio provinciale informazioni e accoglienza turistica, i visitatori del Castello Estense avranno libero accesso alla Sala Alfonso I, per vedere coi propri occhi questa realtà non assistenzialistica che valorizza le abilità delle persone.

Dalla coppietta ferrarese ai grissini e biscotti tipici, dal laboratorio di pittura a quello di fine falegnameria con produzione di cornici. Nei diversi punti della Sala sarà possibile conoscere i momenti lavorativi, ricreativi, culturali del percorso di rete attraverso video, dimostrazioni pratiche e proiezioni sulla filiera seguita dal gruppo per la produzione del pane, attraverso il laboratorio di pittura con esposizione artistica di quadri e cornici. L’idea di questo spazio del sociale aperto alla città nasce dall’esperienza laboratoriale di panetteria che, lo scorso anno al Balloons Festival, aveva già visto protagonisti i giovani disabili.

Un percorso che si auspica possa trovare sempre di più continuità. A tutti quelli che venerdì 10 maggio, ore 11 al Castello, parteciperanno all’inaugurazione del “Pane del cuore” sarà offerto un assaggio dei tanti prodotti realizzati.

Fonte: http://agiresociale.it/2013/05/il-pane-del-cuore-ogni-venerdi-al-castello-di-ferrara-liniziativa-per-la-disabilita-unira-cultura-nuova-e-tradizione-del-territorio/

Read Full Post »

Visite guidate e nuove tariffe danno i primi risultati positivi
Visite guidate e nuove tariffe: un vero boom di visitatori per il Castello Estense
Nel week end pasquale massiccio accesso di turisti all’interno del simbolo della città
 
Un vero e proprio boom di visitatori, ben oltre le più rosee aspettative. Il lungo week-end di Pasqua, nonostante il meteo non certo benevolo ha, infatti, portato in Castello ben 4.328 ospiti, il 7% in più rispetto allo scorso anno. Un accesso massiccio dovuto alla riduzione dei costi dei biglietti, entrata in vigore proprio in concomitanza delle festività pasquali, ma, soprattutto, all’introduzione di quattro visite guidate giornaliere garantite (due la mattina e due al pomeriggio), che hanno consentito ai visitatori, anche senza prenotazione, di  poter approfondire la storia del monumento e di conoscere le affascinanti e suggestive vicende e tradizioni che hanno caratterizzato la gloriosa dinastia estense. Ben 765 sono stati i turisti che, tra venerdì e lunedì, ne hanno fruito, con un aumento rispetto allo scorso anno di quasi il 30%.
Molto positivo anche l’afflusso all’Ufficio Informazioni Turistiche della città, che ha visto transitare 2.879 visitatori, con un incremento del 7% rispetto allo stesso periodo del 2012; percentuale che arriva addirittura a toccare il +18% se si considera il mercato estero, con l’afflusso più consistente fatto registrare dai turisti di nazionalità spagnola.
Se, dunque, il buongiorno si vede dal mattino, i primi risultati delle innovazioni introdotte all’interno del monumento simbolo di Ferrara fanno davvero ben sperare anche per il futuro. Ed ora il prossimo fondamentale passaggio consisterà nella partnership con gli operatori turistici locali, che avranno un ruolo chiave nella promozione e valorizzazione del Castello Estense: albergatori, guide turistiche ed agenzie di viaggio, infatti, potranno usufruire di benefit per i propri ospiti consistenti in voucher del valore di 1€ da scontarsi sul biglietto di ingresso. Coloro che fossero interessati, possono inviare la propria richiesta di accreditamento via mail a andrea.osti@provincia.fe.it .

A cura del Servizio Turismo Provincia di Ferrara

Read Full Post »

Mercoledi’ 12 gennaio alle 17,30 in Castello Estense conversazione con attore Riccardo Rossi
L'attore Riccardo Rossi
L’attore Riccardo Rossi

Il connubio artistico e culturale ormai consolidato tra Ferrara e Caravaggio prosegue anche in questo inizio di 2011. Mercoledi’ 12 gennaio infatti alle ore 17,30 nella Sala degli Stemmi del Castello Estense si terrà una conversazione con l’attore Riccardo Rossi, che ha portato a teatro recentemente, con  grandissimo successo, il suo sketch su Caravaggio, “La vera storia di San Matteo con l’Angelo” e con la Prof.ssa Francesca Cappelletti dell’Università di Ferrara e co-direttrice del Comitato Scientifico della Fondazione Ermitage Italia, che parlerà di “Caravaggio Oggi”.
“Anche la rinascimentale Ferrara – commenta la Prof.ssa Cappelletti – ha fatto qualche concessione, nell’ultimo anno, complice la Fondazione Ermitage Italia,  alla contemporanea  ossessione per la pittura drammatica e fortemente chiaroscurata di Caravaggio, all’intensità emotiva dei suoi personaggi, volti e corpi comuni sui quali si abbatte la disperazione dell’esistenza così come la luce della rivelazione e della salvezza”.
La Fondazione Ermitage Italia ha infatti dato all’anno caravaggesco, nel 2010 ricorrevano i quattrocento anni dalla morte, il suo contributo. “Si sono svolte una serie di conferenze importanti – spiega la Cappelletti – tenute da studiosi che hanno consentito di approfondire non solo aspetti del suo catalogo, o dell’iconografia di alcuni dipinti, come la Zingara e i Bari, ma anche di mettere a fuoco questioni critiche sui suoi seguaci.
Ai seguaci di Caravaggio che attraverso le rotte del collezionismo ottocentesco sono arrivate nella National Gallery di Dublino e alle importanti scoperte che li hanno accompagnati, si è dedicato Sergio Benedetti, mentre Vincenzo Pacelli, sopritore di fondamentali notizie sull’ultimo periodo di vita e di attività di Caravaggio, ci ha introdotto alla scoperta del caravaggismo napoletano. Paola Bassani e  Arnauld Brejon de Lavergnée  hanno, con lezioni davvero magistrali, completato e ampliato il quadro sui caravaggisti francesi, a Roma e nella loro patria. A Caravaggio e al suo significato per i poeti ma anche per gli spettatori contemporanei ha già accennato Jarek Mikolaweski, in una lezione originalissima che ha suscitato grandi entusiasmi”.
E questo ciclo di conferenze dedicate al Caravaggio si concluderà nei primi mesi del 2011, da un lato con un altro prestigioso intervento di un grande studioso, Daniele Benati, che parlerà di Caravaggio e Guido Reni e dall’altro, con l’appuntamento del 12 gennaio che consentirà di riflettere, una volta di più e questa volta con leggerezza, sulla fama contemporanea e quasi paradossale di questo pittore”.
Ma novità e ulteriori dibattiti non mancheranno anche nel 2011.
“Nel 2010 – prosegue la Cappelletti – è uscito il volume sulla Pittura Italiana del Seicento all’Ermitage, un’opera pubblicata dalla Fondazione dopo un lavoro di revisione condotto da studiosi italiani e stranieri per più di un anno, grazie alla generosità della Fondazione Nando Peretti che ha contribuito con un sostegno totale alle ricerche storico-artistiche, e che quest’anno collaborerà con la Fondazione Ermitage Italia per organizzare un seminario di studi sul catalogo, che consenta di valorizzarne i contenuti e anche di far emergere novità e opinioni autorevoli sulle 285 opere  pubblicate e schedate, molte per la prima volta. Accanto ai temi seicenteschi, retaggio del lavoro fatto nel 2010, la Fondazione Ermitage Italia avvierà nell’anno prossimo un ciclo di lezioni su  Giorgio Vasari e la sua eredità, mentre proseguiranno le lezioni sul collezionismo e i grandi musei, che hanno visto quest’anno un pubblico composito, attentissimo e anche affettuoso. Dopo le vicende della pittura italiana all’Ermitage, illustrate da Irina Artemieva, della dispersione del patrimonio artistico emiliano nel Settecento e nell’Ottocento raccontate da Andrea Emiliani, della storia del Museo del Prado e dei suoi “architetti”, i grandi sovrani spagnoli che raccolsero le opere d’arte, per la quale dobbiamo ringraziare Gabriele Finaldi,  sarà la volta del collezionismo genovese, del gusto neoclassico, degli Uffizi, dei Musei Vaticani e del Louvre. A parlarne, sempre i più grandi esperti, gli studiosi e i curatori dei Musei”.
“Le conferenze – conclude Francesca Cappelletti – ci hanno dato l’occasione di raccogliere intorno alla Fondazione il pubblico cittadino e gli studenti, ma anche di discutere con i nostri borsisti, anche quest’anno numerosi e provenienti non solo dalle università italiane e dalla Russia, ma anche dalla Francia e dall’Olanda.  E di rivedere i nostri studenti già laureati, che nell’assenza di una laurea specialistica in storia dell’arte a Ferrara continuano a studiare in università vicine. Per le conferenze della Fondazione Ermitage Italia tornano anche loro e anche nella loro vecchia università respirano la passione, le competenze specialistiche e la dimensione internazionale degli studi storico-artistici che stiamo cercando, tutti insieme,  di costruire”.

Comunicato a cura di:
Ufficio stampa Universita’ di Ferrara

Read Full Post »

Ultimi due appuntamenti di ‘Un Castello in Tavola’ e ‘Il Castello delle Favole’ di Itinerando e Provincia di Ferrara
Una delle sale del Castello Estense
Una delle sale del Castello Estense

Mercoledi’ 5 gennaio alle 18,30 e’ la volta del secondo e ultimo appuntamento di “Un Castello in Tavola”, l’iniziativa organizzata da Itinerando insieme con la Provincia in Castello Estense, che consiste in una visita guidata con letture dedicate ai banchetti storici che si svolsero all’interno del monumento che si trova nel cuore storico di Ferrara.
Il giorno seguente, giovedi’ 6 gennaio alle 15,30, ultimo appuntamento della seconda iniziativa targata Itinerando e che si svolge ancora nella magica cornice della residenza che fu della famiglia d’Este: “Il Castello delle Favole”. Dedicato ai bambini, l’incontro si svilupperà tra le segrete e le stanze del castello ripercorrendo storie, vicende e personaggi del passato, per concludersi con una merenda nella caffetteria del Castello.
E’ consigliata la prenotazione alla biglietteria del Castello Estense telefonando allo: 0532-299233, o tramite mail: itinerrando@provincia.fe.it .

Read Full Post »

Sabato primo gennaio l’ufficio informazioni turistiche (Iat) sarà aperto dalle 13 alle 18, mentre il percorso del Castello Estense sarà visitabile dalle 14 alle 20 con entrata gratuita per tutti.

Un segno augurale di buon anno che la Provincia intende rivolgere ai ferraresi e ai turisti che vorranno concedersi una visita al monumento simbolo di Ferrara.

Read Full Post »

Iniziativa di Provincia ed Itinerando

Il Castello Estense ancora al centro di speciali iniziative durante il periodo natalizio, da un’idea di Provincia ed Itinerando.
La prima si intitola Un Castello in tavola e si svolgerà i mercoledì 22 dicembre e 5 gennaio, dalle 18,30 alle 20,30, quindi con apertura prolungata del monumento.
Due serate esclusive dedicate  al tema dei banchetti. Saranno narrate dalle guide specializzate di Itinerando le storie di memorabili banchetti, che si svolsero proprio nelle sale del Castello che fu dimora della famiglia d’Este.
Ma non basta. Il ricco menu offre anche letture di brani da testi di Cristoforo da Messisbugo, tavole imbandite con ceramiche graffite ferraresi e ricami estensi che animeranno le cucine del grande scalco di corte e, ancora, l’illustrazione delle tecniche di lavorazione della ceramica da parte dell’artigiana Manuela Barattini, di Ceramiche Artistiche Ferraresi.
La serata non poteva che concludersi, al piano nobile del Castello, con una degustazione di prodotti tipici del territorio e appartenenti alla tradizione dal Rinascimento ad oggi, a cura di Orsatti 1860 srl.
Altra iniziativa porta il titolo: Il Castello delle Favole e andrà in scena all’interno del Castello realizzato da Bartolino da Novara nel 1395 i giovedì 30 dicembre e 6 gennaio dalle 15,30 alle 17,30. Protagonisti, come è facile intuire, saranno i bambini durante i due pomeriggi incentrati su favole e leggende.
Storie e leggende ambientate in Castello saranno il filo conduttore  del percorso guidato da Itinerando, alla scoperta di personaggi  e vicende accaduti nel monumento simbolo di Ferrara.
In uno dei suggestivi saloni affrescati, inoltre, si alterneranno personaggi di fiabe, favole e storie di Natale, oltre a racconti narrati in modo da trascorrere in modo insolito il periodo magico delle feste.
I pomeriggi si concluderanno con una gustosa merenda nella caffetteria del Castello Estense.

ALLEGATI

Read Full Post »

Organizzata da Provincia e Comune di Ferrara con il sostegno di CCIAA, Hera e Carife
Lo spettacolo dell'Incendio del Castello in una delle trascorse edizioni
Lo spettacolo dell’Incendio del Castello in una delle trascorse edizioni

Dodicesima edizione dello spettacolare “Incendio del Castello”. I quasi dieci minuti di fuochi d’artificio della festa di Capodanno 2011, lanciati come da tradizione dal fossato, dalle torri e dalle balconate del Castello Estense, saranno dedicati quest’anno alla ricorrenza dei 150 anni dall’unità d’Italia.
“Sarà un buon modo – commentano il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, e la presidente della Provincia, Marcella Zappaterra – per salutare il nuovo anno che ci ricorda il nostro essere, prima di ogni altra cosa, tutti italiani. Una dedica – proseguono entrambi – che abbiamo voluto riservare proprio in questo esclusivo momento di festa grazie, in primo luogo, alla collaborazione istituzionale della Prefettura di Ferrara”.
La festa di Capodanno 2011, che nelle trascorse edizioni ha visto la partecipazione di decine di migliaia di spettatori, si ripete dunque per volontà di Provincia e Comune di Ferrara, con il sostegno di Camera di Commercio, Hera e Cassa di Risparmio di Ferrara e vedrà Raffaele Prestige di Eventi De Rossi nei panni di organizzatore, coordinatore e direttore artistico della manifestazione.
Lo spettacolo pirotecnico che avrà inizio allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, potrà essere visto da tutti i quattro lati del monumento simbolo di Ferrara.
Prima dell’avvenimento clou, la serata avrà inizio alle 21,30 con ritrovo in piazza Castello, dove il dj Gimmi Bragaglia intratterrà il pubblico con i più importanti e famosi successi musicali degli ultimi venti anni.
Nel frattempo, aiuteranno a riscaldare l’atmosfera anche le associazioni di volontariato, che distribuiranno al pubblico bevande calde e dolci natalizi a offerta libera, per finanziare le proprie attività all’insegna della solidarietà.
Sullo schermo allestito di fianco al palco in piazza Castello, saranno proiettati spot sulla sicurezza stradale. Un invito alla prudenza affinché la notte di San Silvestro sia una festa per tutti. L’iniziativa di sensibilizzazione al tema della sicurezza stradale è realizzata in collaborazione con Prefettura e Questura di Ferrara.
La sicurezza è il leit motiv da sempre anche dell’intera festa e se in tutte le precedenti edizioni non si sono verificati avvenimenti di gravità particolare, il merito va senz’altro alle forze di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia municipale, Vigili del Fuoco e Protezione civile, che anche in questa occasione garantiranno che l’ultimo giorno dell’anno sia una occasione di festa per tutti: famiglie, bambini, giovani e meno giovani.
Dopo i circa dieci minuti di luci, colori e suoni dell’atteso spettacolo pirotecnico, realizzato da F.A.S. di Giuliano Sardella nel pieno rispetto del monumento, la festa si protrarrà fino alle due del mattino, con balli di gruppo e momenti di animazione nel solco di un sano divertimento, sempre con l’esperta regia del dj Gimmi Bragaglia.

Fonte: http://www.provincia.fe.it/?nav=92&news=148BAAC8E2C2CD0FC12577E500351D55

Read Full Post »

Quasi 6.000 nei soli primi 19 giorni di agosto rispetto ai 3.800 del 2009
Interno dello Iat in Castello Estense
Interno dello Iat in Castello Estense

È il caso di parlare di una vera e propria impennata del flusso turistico (italiano e straniero) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che nel mese di agosto si è rivolto all’ufficio Informazioni turistiche (Iat) in Castello Estense.
Le persone che si sono rivolte al punto informativo nei primi diciannove giorni di agosto 2010, sono state infatti 5.998 (di cui 3.787 italiani e 2.211 stranieri),  contro i 3.887 dello stesso periodo 2009 (2.147 italiani e 1.740 stranieri).
Mentre negli anni precedenti il movimento dei turisti in città, fino all’affollatissima settimana del Buskers Festival, registrava un incremento solo nelle giornate di maltempo (durante le quali i turisti giungevano dalla costa), quest’anno sin dagli inizi del mese il numero dei visitatori si è mantenuto su ritmi costantemente elevati.
Il giorno che ha registrato il maggior numero di visitatori allo sportello Iat è stato quello di Ferragosto, con un totale di 551 visitatori.
Fra gli stranieri sono particolarmente aumentati gli spagnoli e i francesi, soprattutto nuclei familiari e giovani interessati a scoprire la città d’arte e le bellezze naturalistiche del territorio ferrarese. Numerosi sono anche i gruppi di lingua spagnola provenienti dal Sudamerica.
Le domande rivolte allo Iat riguardano in prevalenza le modalità di visita ai musei e monumenti della città, la possibilità di noleggiare le biciclette per fare il giro della cerchia muraria rinascimentale, ma spesso anche per sperimentare i percorsi cicloturistici della provincia. Molto apprezzata è anche la possibilità di poter prenotare una camera nelle strutture ricettive, con la modalità last minute,  direttamente dalla postazione presente all’interno dell’ufficio Iat, che permette di consultare le disponibilità del giorno.
Notevoli sono pure le richieste della Carta delle Emozioni Etg in distribuzione ai turisti che compilano un veloce coupon. La carta è formata da una serie di buoni sconto con i  quali usufruire di agevolazioni per l’acquisto di prodotti e servizi nel territorio ferrarese: sconti sulla visita ai musei, sull’acquisto di prodotti enogastronomici o artigianali, oppure su un buon piatto tipico nei ristoranti.
Nel solo mese di agosto fino al 19, ne sono state distribuite 203 e i turisti colgono volentieri questa occasione per scoprire le varie opportunità della provincia di Ferrara.
“Sono dati complessivamente confortanti – osserva l’assessore provinciale al Turismo Davide Bellotti – che lasciano ben sperare per il prosieguo di una stagione ancora ricca di appuntamenti: dal Buskers Festival in pieno svolgimento, alla Giostra del Monaco nei primi giorni di settembre, al Balloons Festival, alla Settimana Estense, Internazionale, fino all’appuntamento di ottobre con la grande mostra Chardin. Il pittore del silenzio che ci accompagnerà fino all’anno nuovo”. 

Fonte: http://www.provincia.fe.it/?nav=92&news=8AC3464CA55F305CC125778900320DC6

Read Full Post »

Nella seduta del 21 luglio si sono affrontati i seguenti temi:

Delega alla Cultura – presidente Marcella Zappaterra
Approvata la perizia suppletiva e di variante per il restauro in Castello Estense della balconata in marmo e della parete dell’ala Ovest del monumento, i cui lavori sono in corso di realizzazione.

Assessorato alla Pianificazione territoriale e Urbanistica – assessore Patrizia Bianchini
Progetto di variante al P.R.G. del Comune di Ferrara, relativo alla modifica del tracciato viario tra la SP Virgiliana a Nord e la SP per Cento a Sud. Il progetto è suddiviso in due stralci funzionali e, nello specifico, prevede la modifica del tracciato con l’inserimento di due curve a largo raggio intervallate da brevi rettilinei sino a congiungersi con la via per Cento, prima dell’esistente passaggio a livello della linea ferroviaria Ferrara – Suzzara. Sono previsti i collegamenti con la viabilità esistente, nonché la realizzazione delle opere di interfaccia con i lavori compresi nel successivo secondo stralcio.
La variante al P.R.G. comunale  è stata trasmessa alla Provincia, per le osservazioni che la normativa le conferisce in ordine alla valutazione di assoggettabilità ed eventualmente alla valutazione ambientale strategica (VAS).

Delega alle Infrastrutture – presidente Marcella Zappaterra
Affrontato il tema della E55 (Orte – Mestre), che è stato oggetto di riflessione anche nell’incontro che la stessa presidente Zappaterra ha convocato con i sindaci dei Comuni interessati (ndr Codigoro, Comacchio, Ostellato, Argenta, Mesola, Berra, Massafiscaglia e Portomaggiore). La Provincia è ora chiamata ad esprimersi sull’attuale versione del progetto, a seguito delle modifiche e integrazioni richieste dalla Regione Emilia-Romagna per conto delle Province emiliano romagnole territorialmente interessate, nonché dalla richiesta ministeriale di revisione della proposta progettuale, al fine della riduzione del costo complessivo dell’opera.
Sia nell’incontro con i sindaci che in Giunta è stato concordato e ribadito che, in considerazione del fatto che la E55 sarà realizzata per fasi, la priorità del programma dei lavori sia data alla realizzazione del tratto ferrarese Cesena – Mestre, perché a sua volta strettamente correlato con l’adeguamento del raccordo autostradale Ferrara – Mare, già previsto dai piani dell’Anas.

La presidente Zappaterra ha , inoltre, dato comunicazione alla Giunta degli incontri che sta avendo con tutti i sindaci, per una valutazione dei problemi e delle priorità del territorio. Punto centrale del confronto istituzionale è l’attuale crisi economica ed occupazionale, su cui in particolare gli assessori Caterina Ferri, Carlotta Gaiani e Davide Nardini (rispettivamente con le deleghe alle Politiche del Lavoro, alle Attività produttive e al Bilancio), sono al lavoro e stanno strettamente collaborando con il vice presidente Massimiliano Fiorillo.

Le sedute ordinarie della Giunta provinciale sono sospese fino al prossimo 11 agosto.

Fonte: http://www.provincia.fe.it/?nav=92&news=57E6A392854214CCC12575FB0035E299

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: