Feeds:
Articoli
Commenti

Posts contrassegnato dai tag ‘Informatizzazione della PA’

(AGI) – Bologna, 1 dic. – “L’indagine svolta assieme al Politecnico di Milano – ha detto dal canto suo l’assessore alle attività produttive Duccio Campagnoli introducendo i lavori del convegno – ha evidenziato che la società dell’informazione è molto cresciuta nel nostro territorio negli ultimi anni. L’Emilia-Romagna ha fatto la scelta prioritaria di far crescere la Pubblica amministrazione attraverso strumenti innovativi e nuove tecnologie. E’ stata costruita una rete tecnologica avanzata (Lepida) e successivamente, ragionando sui servizi è stata creata una Community Network, un centro di alta competenza, di indirizzo e coordinamento degli enti locali per la crescita digitale della Pubblica Amministrazione ma soprattutto un luogo di decisione comune, che entrerà a pieno titolo nel Piano Telematico, come strumento che presiede allo sviluppo della rete”.

Secondo Campagnoli resta comunque ancora molto da fare. Ora che le infrastrutture sono state in gran parte realizzate bisogna mettere i servizi a disposizione di tutti: cittadini e imprese. “Di fronte alla crisi economica – ha affermato – è importante che si reagisca con strumenti innovativi e non vorremmo che il Governo interrompesse i finanziamenti promessi (800 milioni di euro), per completare la rete nelle zone a rischio di digital divide”. “Il modello che si persegue – ha concluso Campagnoli – è quello di una rete di reti, dove la nostra è a disposizione per creare una grande rete italiana”.

Secondo il ‘rapporto Juice’, i siti della PA in Emilia-Romagna su cui è stata eseguita la rilevazione (341 Comuni, 52 forme associative, 9 Province e la Regione), che ogni anno vengono passati al setaccio verificando circa 200 indicatori in diversi ambiti, presentano in media un buon livello di qualità che è cresciuto con costanza nel tempo.  Nel 2009, tutti i Comuni emiliano-romagnoli sono presenti on line. La complessità e l’offerta di servizi on line è anch’essa aumentata negli anni .

Il confronto con le altre regioni italiane indica l’Emilia-Romagna come una buona pratica nella diffusione dell’informatizzazione della PA nella gestione delle attività interne e nelle relazioni con i cittadini evidenziando come il territorio emiliano-romagnolo abbia investito da anni in questo ambito; 52% (+3% rispetto al 2008) è la media di qualità dei siti della PA locale in Emilia-Romagna, che hanno continuato ad arricchirsi di informazioni e strumenti in tutti gli ambiti considerati (trasparenza, e-democracy, multilinguismo, e-procurement, organizzazione del sito e presenza di “uffici virtuali” per particolari servizi), crescita dovuta soprattutto ai comuni medi e piccoli. Rispetto all?anno precedente i maggiori sforzi si sono concentrati da parte degli enti nel consolidamento di “uffici virtuali” per particolari servizi, come i Sistemi Informativi Territoriali (SIT) disponibili nel 57% degli enti (+5% rispetto al 2008) e lo Sportello Unico per l’Edilizia (SUE) presente nel 44% dei casi (+9% rispetto al 2008).

Sul fronte dei servizi: nel 2009 il 91% dei Comuni offre almeno un servizio realmente interattivo on line (livello 3 e-europe) consentendo l?invio on line delle domanda e/o il pagamento. In prevalenza i Comuni offrono per 2/3 servizi interattivi in tutti gli ambiti provinciali e il 45% della popolazione regionale può contare su almeno 5 servizi comunali al livello 3 di e-europe. (AGI)

Fonte: http://www.aziende-oggi.it/archives/00057484.html

Read Full Post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: